METEO. San Silvestro e Capodanno

È iniziato da ieri sera l’afflusso di aria artica sulla nostra Calabria; la Sila nella notte si è imbiancata fin sui 1200mt.

(in fondo trovate qualche webcam, in copertina la webcam di Savelli)

Nella giornata odierna  continua l’afflusso freddo, nella serata l’arrivo dell’isoterma -2/-3 a 850hpa renderà la serata di San Silvestro e Capodanno nella notte, molto fredda (vedi fig.1).

Fig. 1 – Masse d’aria fredde in ingresso tramite i Balcani; Possiamo vedere in scala, le isoterme previste dal modello MTG-LAM

A livello di precipitazioni, queste configurazioni favoriscono il lato adriatico grazie all'”Adriatic sea effect snow” e in misura minore anche Sila Grande e Sila Greca, dove nevica già ora e continuerà anche in giornata fin sui 600/500mt per effetto stau (Vedi fig. 2).

Queste configurazioni NON sono il massimo invece per la Sila Piccola e l’area del Reventino, che tra il pomeriggio e la notte vedranno tanto freddo e, anche se è difficile, saranno possibili DEBOLI nevicate da sconfinamento fin sui 600-700mt.

Fig. 2 – A sinistra possiamo vedere in dettaglio l’area del sud Italia avvolta delle masse d’aria fredde; -> a destra sono rappresentate le correnti in arrivo e le aree dove si prevedono le precipitazioni (Nevose dove è segnato ‘*’ )

Ripeto, difficile ma non impossibile.

Giorno 1 si prevede stabile e soleggiato, ma molto freddo.

Nel proseguo della settimana attenzione, l’Ondata di GELO prevista nei giorni scorsi, è ormai sempre più certa a partire dal 3 gennaio. Sui possibili effetti ne riparleremo presto.

Teniamo d’occhio la situazione per la sera del 2 gennaio, monitorando l’ingresso dell’aria fredda con qualche possibile sorpresa.

Domenico Talarico

In collaborazione con l’Ass. Meteopresila.

SPECIALE – METEO NATALE.

Entrati da qualche giorno nell’inverno astronomico, il nostro Mediterraneo di invernale ha visto ancora ben poco.

Per quanto riguarda il periodo Natalizio, ci troveremo sul bordo orientale dell’anticiclone azzorriano, e perciò sfiorati da fronti freddi che punteranno i Balcani.

SULLA CALABRIA la Vigilia del Santo Natale vedrà nuvolosità sparsa, più compatta sui settori tirrenici dove, nel corso della giornata, non si esclude la possibilità di piovaschi sparsi anche nell’entroterra (Fig.1) intervallati da spazi di sereno.

Fig. 1 – Precipitazioni giorno 24 Dicembre – Modello Moloch/gfs – CNR-ISAC

LA NOTTE tra il 24 e il 25, il passaggio di un fronte apporterà sulla regione piogge sparse (Fig.2) e qualche nevicata sulla Sila (1500mt).

Le precipitazioni potrebbero resistere al massimo fino alla prima parte della mattinata del 25, per poi spostarsi su bassa Calabria.

Nel corso della giornata è atteso infatti un netto miglioramento.

 

Fig.2 – Ripresa della dinamica prevista tra la giornata della Vigilia e Natale

Il passaggio perturbato anticipa infatti spifferi di aria secca molto fredda che grazie ai venti da nord spazzerà la nuvolosità.

L’aria fredda interesserà la nostra Calabria a partire dal pomeriggio del 25 e si farà sentire ancora di più nel giorno di Santo Stefano, quando nonostante la bella giornata soleggiata, l’aria fredda renderà il tutto molto invernale.

Possibile arrivo dell’isoterma -4 a 850hpa (fig.3).

Fig.3 – Mappe previsione per il 25 a sera – A Sinistra <-, possiamo vedere la rappresentazione delle masse d’aria in arrivo, con i valori di temperature rappresentate dai colori. -> A Destra, possiamo vedere la disposizione prevista delle figure di alta e bassa pressione, che piloteranno le masse d’aria.

 

Per il proseguo dell’inverno, grosse manovre in vista ma ne riparleremo.

Articolo realizzato da

Domenico Talarico

L’associazione Meteopresila

vi augura un

Buon Natale

Sabato 15 dicembre 2018

Nuova perturbazione in avvicinamento.

In questo terzo sabato del mese di Dicembre, avremo un nuovo peggioramento del tempo, dettato dal passaggio di una perturbazione che transiterà dal Canale di Sicilia per poi risalire il mar ionio con direzione sud-ovest /  nord-est.

Nella notte e fino al primo mattino, avremo precipitazioni sparse sui settori ionici tra catanzarese e crotonese, fase questa che sarà presto in esaurimento non appena il minimo di bassa pressione si sarà portato più a est sul mar ionio.

Tale movimento del minimo, farà modo che, nel proseguo della mattinata, le correnti gireranno da meridionali a nord-occidentali e i venti da maestrale in scorrimento sul Tirreno, porteranno nuove piogge e rovesci sulla Calabria tirrenica.

Fig. 1 – Mappa rappresentativa delle precipitazioni e delle correnti previste per domani tra il pomeriggio e la sera. Modello ICON 7km

 

Dal pomeriggio si prevedono ulteriori rinforzi da ovest e la pioggia potrebbe così aumentare, non escludiamo fenomeni temporaleschi specie in serata, con un coinvolgimento maggiore della Calabria centrale e meridionale, anche sui versanti ionici.

La quota Neve sui rilievi inizialmente sarà sopra i 1500m, ma le correnti occidentali favoriranno in abbassamento delle temperature e con esse anche della quota neve, che potrebbe scendere sotto i 1300/1400m, anche più in basso in caso di precipitazioni durature a cavallo tra la tarda serata di sabato e la notte di domenica.

Temperature stazionarie al mattino, ma in diminuzione dal pomeriggio per l’ingresso di aria fredda.

I venti in rotazione e rinforzo da Grecale e Tramontana. Mari fino a molto mossi

Seconda settimana di dicembre, nuove prove invernali.

Sono previste in arrivo correnti fredde in ingresso dai Balcani; si abbasseranno pertanto le temperature sulla Calabria.

Forti raffiche di vento e piogge stanno caratterizzando la seconda parte della giornata odierna, dopo una mattinata generalmente soleggiata, sopratutto sui versanti ionici.

Dal pomeriggio il maltempo è aumentato, complice la spinta della bassa pressione sull’Est Europa in espansione verso il mediterraneo; facendoci così trovare in queste ore sul limite tra la bassa e l’alta pressione (Vedi figura 1 a Destra),

Le piogge e il vento, insisteranno ancora per il resto della serata, specie sui versanti tirrenici, con momentanei sconfinamenti delle precipitazioni sui settori ionici, specie sul catanzarese.

Cerchiamo ora di riassumere brevemente cosa aspettarci nei prossimi giorni:

Domani lunedì 10, avremo della instabilità residua, sopratutto sulla Calabria meridionale, ma si andrà verso un miglioramento del tempo su tutta la regione in serata.

Fig. 1 -A Sinistra <-, possiamo vedere la rappresentazione delle masse d’aria in arrivo, con i valori di temperature rappresentate dai colori. -> A Destra, possiamo vedere la disposizione prevista delle figure di alta e bassa pressione, che piloteranno le masse d’aria.

Contestualmente però, arriveranno dai Balcani correnti più fredde (Fig. 1 – a sinistra), che provocheranno un calo delle temperature dell’ordine dei 5°C rispetto ai giorni precedenti, portandoci a valori lievemente sotto-media e proiettandoci verso delle prove invernali.

Temperature perciò che si faranno sentire anche a quote collinari, a partire sopratutto dalla serata di lunedì, e ci accompagneranno presumibilmente fino a mercoledì.

Attenzione, non escludiamo delle deboli e locali nevicate proprio nella serata di Lunedì sulla Sila, sui 1300/1400m circa

Martedì la giornata si aprirà serena, ma abbastanza fredda, con minime diffusamente poco sopra lo Zero. Valori negativi  vengono previste a partire dai 1000m.

Mercoledì si prevede sulla stessa linea di martedì, mattinata fredda, compensata in parte dal sole; il tempo però potrebbe andare a peggiorare sul finire della giornata, per l’arrivo di una nuova fase instabile.

Fig.2 – Grafico rappresentante l’andamento delle temperature a 1400m circa, insieme alle probabili precipitazioni. – andamento previsto dal modello GFS. Maggiori informazioni su come leggere il grafico QUI

Da giovedì infatti, osservando gli ultimi aggiornamenti, si nota una nuova perturbazione in avvicinamento, la quale però sarà associata all’arrivo di correnti meridionali, che quindi porteranno ad un rialzo termico sulla Calabria (visibile graficamente in fig.2).

Non andiamo oltre per il momento, attendendo i prossimi aggiornamenti.

Ass. Meteopresila.

Sabato 8 Dicembre 2018

Il giorno dell’Immacolata si presenta perturbato per la Calabria, in particolar modo per le fasce tirreniche.

Al mattino la giornata si aprirà già in una fase di peggioramento, con cieli in copertura a partire dai settori nord occidentali.

Nel proseguo della mattinata, verremo raggiunti da una perturbazione, la quale, seguita anche da correnti più fredde, andrà a causare piogge e rovesci sui settori tirrenici calabresi; non escludiamo sconfinamenti temporanei anche sui settori ionici.

La perturbazione non durerà molto, scorrerà infatti velocemente dal nord al sud dell’Italia,  originando un peggioramento di alcune ore; già in serata si prevedono netti miglioramenti del tempo.

I versanti ionici saranno meno interessati, specie il crotonese, dove i cieli si manterranno poco o parzialmente nuvolosi.

Fig. 1 – Rappresentazione grafica delle correnti in arrivo e della distribuzione prevista delle piogge – Modello NEMS4

Fig.2 – Previsione delle precipitazioni che potrebbero cadere nell’arco del pomeriggio – Modello Moloch-GFS / CNR-ISAC.

 

Temperature in calo, i valori previsti saranno compresi tra i 6/7°C di minima e i 13/14°C di Massima (valori un po’ più alti per il crotonese)

ATTENZIONE ai venti, si prevedono infatti raffiche con intensità anche da vento Fresco/Forte,  tra Ponente e Libeccio, rotazione a Maestrale con mari fino ad agitati.

Possibili mareggiate sui tratti esposti.

Meteo Natale: prime analisi per il periodo natalizio.

A pochi giorni dal Natale, andiamo a vedere cosa ci si può aspettare meteorologicamente da questo periodo.

 

Ad oggi, siamo ancora alle prese di correnti settentrionali in ingresso dai Balcani, le quali ci vanno a portare temperature ancora più tosto fredde.

Ma la situazione è in rapido cambiamento;  dalle prossime ore, tali correnti fredde verranno allontanate dall’avanzamento della alta pressione delle Azzorre verso est, il quale andrà a coprire anche l’Italia meridionale.

Da questo punto iniziamo a capire cosa attenderci per il periodo natalizio; iniziando con il seguire in scala continentale come avviene questa espansione dell’alta pressione  (HP) verso di noi.

Fig 1 Immagine doppia ritraente il cambiamento previsto dei livelli di pressione che identificano l’HP Azzorriano, tra la giornata di oggi 22 e il 24 Dicembre.

 

Ciò che possiamo osservare è  che: in area atlantica si rileva la presenza di una estesa area anticiclonica che arriva ad interessare quasi tutta l’Europa centroccidentale; tale HP viene fortemente influenzato dal flusso principale artico (Vedi fig 1), che scorre mediamente perturbato a delimitante l’anticiclone a sud,  da una estesa area a nord composta da due intense saccature (aventi il minimo rispettivamente tra Groenlandia e labrador, e sul mar del nord), che spingono tale Flusso a favorire lo spostamento dell’HP verso Est.

Da tale dinamica sinottica descritta, possiamo quindi dedurre che per i prossimi giorni assisteremo all’arrivo di condizioni meteo più miti sul mediterraneo centrale, con cieli poco nuvolosi e correnti aventi temperature più alte.

Passando a tradurre ciò in scala locale, possiamo dire che per la Calabria, si prospetta un periodo stabile e poco perturbato, grazie proprio al rafforzamento dell’alta pressione su descritta; tale intervallo (Aiutandoci anche tramite il grafico in figura 2), potrebbe durare almeno fino al 26 di dicembre, andando cosi a coprire il periodo Natalizio.

Figura 2 – Curve rappresentanti l’andamento termico e le possibili precipitazioni dei prossimi giorni.

Precisiamo però, che si attendono ulteriori aggiornamenti per capire meglio se vi potranno essere correnti capaci di portare qualche addensamento localizzato.

Ass. Meteopresila

Ondata di freddo: Rischio neve sui settori ionici.

Con la giornata odierna arriviamo al punto più “basso” di questa ondata di freddo.

Aggiornamento  Ore 23.30

Possibili segni di sconfinamento delle precipitazioni sul versante ionico meridionale; segnalati dei fiocchi di neve a Sersale (CZ).

 


Aggiornamento  Ore 22.30

Le precipitazioni continuano a colpire  in modo moderato l’alto ionio e i versanti silani esposti; al momento viene interessata ed imbiancata anche Camigliatello.

Altrove rimangono cieli poco nuvolosi; l’afflusso delle correnti dal Golfo di Taranto non riescono ad oltrepassare la Sila restando per ora confinato sui veranti nord orientali.

 


 

Aggiornamento  Ore 20.30

Il flusso di correnti provenienti dal Golfo di Taranto continuano a produrre precipitazioni sui versanti ionici nord orientali.

Nevica anche su Loc.Palumbo nel comune di Cotronei (Kr).


 

Aggiornamento ore 18.20:

Inizia a nevicare sui versanti di NordEst della Sila.

Longobucco e Savelli (www.portalesila.it/webcams).


Agg. Ore 15.30

Le minime odierne registrate sono arrivate a valori molto bassi, con temperature prossimi alle zero anche sui nostri litorali (Vedi figura n°1).

Fig.1 – Temperature minime rilevate oggi.

Le masse d’aria gelide in ingresso dai Balcani sono ormai ben radicate sul territorio regionale, tanto da riuscire a far crollare le temperature non appena il sole inizia a tramontare.

Fig. 2 – Temperatura delle masse d’aria alla quota tra i 1400 e i 1500m – Da questa mappa possiamo osservare l’aria fredda (scala cromatica in blu) presente su di noi, in estensione dai Balcani.

La giornata di oggi seguirà pure la dinamica termica detta sopra ( un deciso calo delle temperature che si stà già verificando in questo momento).

Ma attenzione in serata.

Infatti siamo in fase di manovre nuove in queste ore,  cambiamenti che permettono ai venti nelle quote medio basse, di girare più da est, e consentire alle attuali correnti, di portare gli addensamenti nuvolosi in formazione sul golfo di Taranto (Vedi Fig. 3), a raggiungere e coinvolgere meglio le coste ioniche calabresi tra le aree della sibaritide e il marchesato crotonese, oltre che alla Sila Greca e relativa presila (nell’area segnata nell’immagine in copertina).

Fig.3 – Immagine Satellitare di oggi pomeriggio – Notare gli addensamenti nuvolosi sul Golfo di Taranto.

Clicca qui per seguire le immagini satelliatri

Qui si potranno formare precipitazioni che, viste le temperature al momento molto basse, potrebbero essere nevose fino in collina (con quota iniziale tra i 400 e i 500m, per scendere più in basso in serata) seppur, di modeste quantità.

Figura 4 – Rappresentazione delle aree in cui si prevedono precipitazioni nelle prossime ore (cumulate in 6 ore) – Credit meteoincalabria.it

Situazione da monitorare in oltre, perche le precipitazioni potrebbero non limitarsi solo alla Sila e Sila greca, ma sarebbero capaci (anche se in modo debole) di approdare sui rilievi della Sila piccola e del catanzarese con delle possibili deboli nevicate.

Ass. Meteopresila

 

 

Terza settimana Dicembre 2017; aumenta il freddo sulla Calabria.

Da Lunedì 18 Dicembre,  correnti provenienti dalle regioni Artiche ci faranno ancora battere i denti.

Facciamo una rapida analisi della situazione.

Dando uno sguardo alle cause di tutto ciò; possiamo vedere che in campo Europeo, l’alta pressione delle Azzorre si è elevata verso nord, con un promontorio che va ad incunearsi tra le fredde masse d’aria artiche presenti nel Nord Atlantico.

 

– Figura 1 e 2, con il movimento del promontorio in elevazione verso Nord Est.

Le correnti  in movimento anticiclonico (senso orario) attive quindi fino a quelle latitudini vanno a spostare e determinare la discesa proprio di tali masse fredde, causando l’approfondimento di una saccatura verso il Mediterraneo contenente questa discesa di correnti gelide che stiamo sentendo oggi.

Dalle prossime ore però l’azione dinamica della depressione Canadese, spingerà verso Est questo promontorio, facendolo “coricare” sul nord Europa, e tagliando praticamente la saccatura che si era dilungata verso il mediterraneo; isolandone difatti una parte, che andrà a formare una nuova area di bassa pressione

Fig. 3 e 4 – Minimo isolato a nord da un ponte di alta pressione, e ingresso di fredde correnti da nord Est.

Si attiveranno quindi due movimenti dinamici, quello anticiclonico del promontorio, e quello ciclonico della bassa pressione isolata.

Il risultato di ciò sarà la formazione di un movimento retrogrado (spostamento delle correnti da Est verso Ovest) nelle prossime ore che andrà a pescare correnti molto fredde dall’Est del continente europeo, che verranno spinte verso il Mediterraneo centrale.

Per i prossimi giorni possiamo riassumere la situazione al livello termico dal grafico in figura, e come si più vedere dal fascio di curve rappresentate, avremo un crollo delle temperature, in accordo con quanto descritto sopra.

Grafico Andamento temperature sulla quota degli 850Hpa per maggiori info sulla lettura del grafico cliccare Qui

I valori di temperatura andranno a scendere di altri 5°C rispetto ai valori odierni, arriveremo così a ad avere nei prossimi giorni minime molto basse, che di notte potranno toccare gli 0°C anche in collina.

Questa ondata di freddo avrà il suo picco tra i giorni di martedì e mercoledì, prima di riprendere a salire da giovedì.

Come precipitazioni; lunedì avremo ancora instabilità residua sulla Calabria medio Bassa, con possibili nevicate a quote 800m, specie tra i rilievi delle Serre e l’Aspromonte; dal pomeriggio però andranno ad esaurirsi per poi avere una serata poco nuvolosa.

Da Martedì,  saremo sotto la protezione di valori di pressione più tosto alti, che ostacoleranno la formazione di precipitazioni, ciò non toglie il fatto che, se le correnti andranno a disporsi da Est verso le coste Calabresi, non possiamo escluderle del tutto; in quanto, il passaggio sul mar Ionio prima e poi l’incontro con l’ostacolo orografico dei rilievi, potrebbero produrre delle locali addensamenti con annesse precipitazioni, che a quel punto saranno nevose a quote collinari sui versanti ionici.

Su questo punto però ci sarà da monitorare meglio la situazione nei prossimi aggiornamenti.

Sabato 16 Dicembre 2017

Nuovo peggioramento in entrata sulla Calabria sabato.

Già in nottata avremo piogge sparse sui settori centro settentrionali della Calabria; fenomeni a tratti intensi si potranno verificare sui versanti tirrenici tra Pollino e Catena costiera, e sui rilievi Silani.

Nel corso della Mattina, le precipitazioni scenderanno anche sui settori meridionali calabresi, coinvolgendo tutti i litorali e i versanti tirrenici

Meglio  invece sui versanti ionici, specie quelli crotonesi, più coperti dai rilievi.

Nel pomeriggio potremo avere un lieve miglioramento, e usiamo il condizionale perche il fronte di questa nuova perturbazione sarà in transito sulla regione, le piogge si prevedono più variabili, con schiarite più durature su gran parte del territorio, ma non si escludononuclei in formazione.

Tempo instabile anche in serata, con precipitazioni sparse in arrivo sulla Calabria tirrenica, ma comunque ancora alternate a delle schiarite.

Sempre in serata, arriveranno le fredde correnti settentrionali; le precipitazioni sui rilievi si prevedono nevose dai 1100/1300m di quota, e andranno a scendere con il proseguo della serata.

Venti occidentali, ma tenderanno a ruotare da nord ovest.

Temperature in Calo in serata.

Giovedì 14 Dicembre 2017

Residua instabilità sui settori tirrenici centro settentrionali.

Al mattino avremo locali precipitazioni a ridosso dei rilievi sui versanti tirrenici, specie nel Cosentino e sul vibonese; cieli meno coperti sui settori più meridionali, e maggiori schiarite sui settori ionici; salvo qualche addensamento nuvoloso nelle aree interne in sviluppo nel pomeriggio.

In serata possibili rovesci a tratti anche forti su Cosentino e Lametino, per l’arrivo di maggiore instabilità.

Temperature in aumento.

Venti moderati da Libeccio, con qualche raffica più intensa.

1 2