Prima domenica di novembre all’insegna del maltempo.

Ritorna il maltempo sulla Calabria, previste nuove piogge e rovesci che, a tratti, potranno essere anche molto intense … Attenzione /!\ .

Il tutto si prevede svilupparsi lungo il bordo orientale di un’area di bassa pressione che, centrata sul Canale di Sardegna , estenderà la sua influenza fino alla nostra regione.

Proprio sulla parte periferica di questa perturbazione mediterranea,  si creerà un “fronte” temporalesco; un’area cioè dove i contrasti tra le correnti di scirocco in risalita (richiamate dal minimo di bassa pressione), e le masse d’aria che verranno a contatto con esse, daranno origine a una linea temporalesca alimentata proprio da questo scontro (vedi figura 1)

Fig. 1 – rappresentazione posizione del minimo di bassa pressione, insieme alle correnti in movimento e alle aree di possibile formazione di piogge. – Modello ECMWF – credit Windy.com

Tale linea, come detto, correrà lungo il bordo del sistema, e  si prevede in movimento prima sulla Sicilia, e poi, durante la mattinata , andrà a salire verso nord quindi attraverserà la Calabria.

Cercando di entrare meglio in dettaglio, PRECISIAMO che c'è ancora indecisione 
su quali aree potranno esse più esposte alle piogge rispetto ad altre.

Ci sono infatti, diverse soluzioni che le simulazioni dei modelli meteo propongono; c’è chi prevede maggiori piogge per i settori centro meridionali, chi invece vede nel pomeriggio un maggiore coinvolgimento dei settori centro settentrionali, comprendendo anche il cosentino e interamente la Sila, anche sui versanti settentrionali.

Ciò che possiamo dire, è che già nella notte/ primo mattino, si prevede arrivare diffusamente la pioggia sulla Calabria centro meridionale; le fasce ioniche tra il reggino e il soveratese e la presila ionica, saranno esposte alle correnti di scirocco e alle precipitazioni che essa apporterà.

Fig. 2 – Precipitazioni accumulate in 12h, mattina e sera – modello Moloch – CNR ISAC

 

Nel corso della mattinata e nel primo pomeriggio, saremo sotto il rischio di piogge più forti, derivate dal fronte in risalita sopra descritto; a rischio saranno sopratutto i versanti ionici tra le Serre, e la presila, ma anche i settori tirrenici tra lametino e cosentino non devono essere sottovalutati.

Questo passaggio fortemente perturbato, lascerà la regione presumibilmente in tarda serata.

In serata infatti, la linea temporalesca andrà a spostarsi verso nord, vedremo quindi un netto miglioramento per le fasce meridionali, a discapito dei settori della Calabria settentrionali dove avremo possibili fenomeni temporaleschi da tenere in considerazione.

Le temperature saranno stazionarie; la ventilazione sarà di scirocco, con intensità prevista moderata e a tratti forte.

Domenica 4 novembre 2018

La prima domenica di Novembre si presenterà decisamente instabile e con possibili fenomeni temporaleschi a cui prestare attenzione

Già nel primo mattino si prevede arrivare diffusamente la pioggia sulla Calabria meridionale; le fasce ioniche tra il reggino e il soveratese saranno le prime ad essere interessate e in seguito la presila ionica (non sono previste in questa fase fenomeni particolari, ma è prudenziale stare attenti).

Nel corso della mattinata/primo pomeriggio poi, si prevede l’arrivo di una “linea” temporalesca in risalita da sud; portatrice di piogge più intense, le quali,  interessando gran parte della regione.

In questa fase, le fasce più interessate diverranno quelle centrali.

In primis il basso catanzarese, dove si prevedono possibili importanti accumuli pluviometrici sui versanti ionici delle Serre; insieme alla fascia presilana catanzarese, e al Reventino.

Ma non sono da sottovalutare anche i fenomeni che potranno interessare la fascia tra il lametino e in successione  il cosentino; aree che potrebbero essere soggette ad un passaggio perturbato a cui prestare attenzione.

In serata la linea temporalesca andrà a spostarsi verso nord, vedremo quindi un netto miglioramento per le fasce meridionali, a discapito dei settori della Calabria settentrionali.

Questo passaggio fortemente perturbato, lascerà la regione presumibilmente in tarda serata/notte.

Le temperature saranno stazionarie, con valori compresi tra i 14/15°C e i 20/21°C

La ventilazione sarà di scirocco, con intensità prevista moderata e a tratti forte.

Calabria. Nuovo peggioramento nelle prossime ore.

Dopo un sabato ancora soleggiato, da domenica, il tempo tenderà ad un graduale peggioramento.

Il ramo ascendente della saccatura che irromperà nel Mediterraneo, andrà a richiamare un forte richiamo pre-frontale caldo umido che investirà anche la nostra regione (Fig.1).

Si andranno ad attivare venti imponenti da Sud (Ostro) (Vedi Fig.2) che spazzeranno gran parte della nostra regione, e sui versanti esposti(lato ionico principalmente) intense mareggiate con onde tra i 2-4 metri potrebbero provocare gravi danni sulle coste.

Fig.1 – Mappa situazione sinottica prevista e altezza geopotenziali a 500hpa – [Dati MTC-ECMWF]

Fig.2 – Mappa direzione e intensità dei venti prevista – [Dati MTC-ECMWF]

 

I venti in oltre, scorrendo per molti km sul mare si andranno a caricare di umidità, la quale verrà portata anche sulla terra ferma.

Qui avverrà lo scontro con i nostri rilievi e ciò provocherà quello che viene definito come la cosiddetta nuvolosità orografica; cioè formata dalla presenza stessa dei rilievi che (sintetizzando) favoriscono la condensazione dell’umidità e la creazione di addensamenti nuvolosi, i quali, sono capaci di apportare precipitazioni anche importanti sui versanti esposti.

Cercando di capire quindi le possibili piogge che potremo ricevere, possiamo aiutarci con la figura 3 qui di seguito.

Fig.3 – Previsione aree soggette a piogge, e relativi possibili accumuli – [mappa piogge accumulo in mm +12H – MC-EMM2 – Meteoincalabria.it]

Come possiamo notare, le precipitazioni sono previste proprio a ridosso dei versanti meridionali dei nostri rilievi; con particolare attenzione, possiamo vedere il maggiore rischio a ridosso dei versanti della presila catanzarese e sulla Sila piccola, la fascia più esposta a queste correnti in ingresso da sud.

Non a caso il Centro funzionale ARPACAL à emesso un messaggio di Attenzione (allerta Arancione) per le aree ioniche, (maggiori informazioni visibili [qui] o [qui]).

Per l’inizio settimana sarà possibile ancora un passaggio temporalesco specie tra lunedì e martedì.

 

27/10/2018

Intervento in collaborazione con

Domenico Talarico

 

La primavera avanza sulla Calabria.

In questa settimana siamo entrati in un periodo di giornate più stabili e  miti, anche se spesso leggermente nuvolose.

Motore di tutto è la presenza di un’area di bassa pressione che ruota tra Spagna e Francia; che, se da una parte porta maltempo sull’Italia centro settentrionale, lo stesso non è vero per il meridione, dove anzi la dinamica fa si che vengano a scorrerci sopra delle correnti miti meridionali, spesso di scirocco.

Fig. 1 – Situazione sinottica prevista per domani Venerdì 13 – GFS-12z

Entriamo ora ad osservare cosa aspettarci nei prossimi giorni.

Domani, Venerdì 13 giornata molto stabile, per lo più tra sole e nuvole con un leggero aumento termico.

Sabato giornata piuttosto calda, con picco termico dato dall’arrivo di correnti meridionali; ma potranno esserci nuvolosità sparse che mitigheranno l’effetto del sole.

Domenica, nuovo calo termico, con possibile inizio di un debole peggioramento, dato dall’arrivo di un centro di bassa pressione in risalita dal nord Africa.

Per il proseguo:

Fig. 2 – Nella gif della possibile previsione dei geopotenziali elaborati da Gfs.

Fig.3 – grafico di sintesi dell’andamento termico previsto per i prossimi giorni – GFS

Prende piede la possibilità della formazione di un modesto campo di alta pressione sul centro-nord Europa nella prossima settimana (Vedi fig.2 – gif animata del periodo tra oggi 12/04 e  Mercoledì 18/04).

Si parte dalla stabilità attuale, per passare all’impennata termica sulla Calabria di sabato 14 (giornata molto mite, visibile anche dal grafico in fig.3), e si nota come nella giornata di domenica 15, un minimo in risalita da sud andrebbe ad apportare un po’ di maltempo con lieve calo termico.

Ma ciò che risalta è la formazione di un centro di hp sul centro nord Europa.

Sul suo bordo orientale però, ecco che correnti più fresche da est andrebbero ad interessare il centro sud Italia con la possibile formazione dei primi temporali pomeridiani che potrebbero arrivare puntuali a partire dai primi giorni della prossima settimana.

Primavera si.. ma molto dinamica.

Previsione a cura di Domenico Talarico

Domenica 25 Marzo 2018

Nuova giornata di maltempo, la perturbazione in movimento sul Tirreno porterà instabilità con episodi anche intensi di precipitazioni.

Al mattino si prevedono cieli coperti e piogge sopratutto sui settori ionici, dove, grazie all’attivazione di correnti meridionali di scirocco, si avranno maggiori addensamenti nuvolosi a ridosso dei versanti esposti.

Non escludiamo quindi piogge intense, con accumuli significativi (Vedi Fig. 1 ) specie in tarda mattinata/primo pomeriggio (sopratutto per i versanti tra locride e soveratese, e tra catanzarese e crotonese) >>attenzione<<.

Fig. 1 – Previsione (secondo il modello previsionale ICON) delle aree interessate dalla pioggia; le aree tendenti al rosso rappresentano i settori dove si prevedono possibili accumuli maggiori durante la mattina.

Nel proseguo del pomeriggio, l’avvicinamento del centro di bassa pressione verso la Calabria, porterà le correnti a raggiungerci da levante, portando in questo modo maggiori piogge anche sui settori del cosentino e delle fasce tirreniche.

Segnaliamo il possibile maggiore coinvolgimento in questa fase dei versanti tirrenici silani e del Pollino .

Sempre dal pomeriggio, sui versanti ionici meridionali si prevede un miglioramento,  mentre persisteranno le piogge tra catanzarese , crotonese e alto ionio cosentino (Attenzione anche in questa fase come si vede dalla Figura 2 ).

Fig. 2 – Previsione (secondo il modello previsionale ICON) delle aree interessate dalla pioggia; le aree tendenti al rosso rappresentano i settori dove si prevedono possibili accumuli maggiori durante la sera.

Miglioramenti sono previsti in serata, con precipitazioni più moderate; grazie all’avanzamento verso est della perturbazione.

Comunque resteranno attive piogge provenienti dal tirreno, che andranno ad interessare i versanti occidentali, sopratutto tra cosentino e vibonese, ma non si prevedono fenomeni intensi, ansi si andranno gradualmente ad esaurire.

Miglioramento più deciso invece per le fasce ioniche, che resteranno più protette dai rilievi.

Temperature in netto aumento, la quota neve andrà a salire sui 1500m.

 

Arriva GHIBLI, ondata di calore dal nord Africa.

Domani, venerdì 16, ARRIVA GHIBLI. ma chi è questo GHIBLI?

Un’ intensa ondata di calore sta per arrivare sulla Calabria (Fig. 1)… tutta colpa del vento ghibli, IL VENTO DEL DESERTO.

Ghibli spira normalmente da S/SE, proviene direttamente dal deserto del Sahara, in origine molto secco e caldo, passando per le coste Libiche e attraversando il mare si carica di umidità arrivando da noi col nome di scirocco.

Una delle caratteristiche principali è la quantità di polvere desertica trasportata (Fig. 2), domani avremo addirittura picchi di 180 ugr/m3 (microgrammi per metro-cubo) di polvere desertica nell’aria che colorerà un po’ i panorami di giallo.

Fig. 1

 

Fig. 2


In queste occasioni farà addirittura più caldo sui monti che lungo le coste esposte ai venti da sud in quanto lo strato d’aria più basso scorrendo sul mare si raffredda leggermente e su alcune aree costiere si potrebbe addirittura avere una foschia molto densa dovuta al grande carico di umidità trasportato che condensa in prossimità della costa.

Al contrario, nelle aree di vento di caduta le temperature potrebbero risultare molto più elevate.

La giornata sarà comunque piuttosto nuvolosa, ma nonostante ciò le isoterme saranno quasi da giornata estiva.

Attenzione al crollo termico di sabato.

Freddo in ritirata. Lo scirocco riprende terreno sulla Calabria.

Cambio della circolazione, dalle correnti fredde settentrionali, si passa a tiepido richiamo di correnti meridionali.

Mentre l’ultimo giorno di febbraio (con cui si  chiude meteorologicamente l’inverno) si conclude, con nevicate fino a quote collinari sulla Calabria centro settentrionale, all’orizzonte si avvicina una vasta area depressionaria dall’atlantico; che in queste ore esordisce sull’Europa centro occidentale, estendendo la sua influenza fino al nord Africa.

Fig. 1 – Mappa al livello europeo geopotenziali e pressione – ECMWF

Fig. 2 – Rappresentazione dei venti e della distribuzione delle Isobare della depressione. – ECMWF

 

Dalle prime ore di giovedì si cambia registro infatti, l’ingresso della bassa pressione su indicata, invertirà le correnti  in scorrimento sulla Calabria e svilupperà un deciso richiamo caldo dal Nord Africa, capace di far impennare le temperature di circa 10°C già a partire da domani.

Fig. 3 – Grafico previsione andamento termico e delle precipitazioni

 

Fig. 4 – simulazione dell’aumento termico molto repentino di stanotte.

 

Un cambiamento che porterà con se anche piogge sui settori ionici.

Spinta dalla depressione in ingresso dal Atlantico,  dalle correnti di scirocco, nel passare sopra il mar Ionio, andranno a raccogliere umidità, che poi andrà a condensare in pioggia a ridosso della Calabria ionica.

Piogge a tratti intense potranno interessare durante la giornata le fasce ioniche, sopratutto la presila Catanzarese e il crotonese, dove si potranno addensare e formare precipitazioni da Stau, capaci di persistere sui versanti anche per varie ore.

Precipitazioni più sporadiche invece interesseranno i settori tirrenici.

Maltempo Calabria. Settori ionici spazzati dallo scirocco.

Associati anche a fenomeni temporaleschi, le piogge e le forti raffiche di vento di queste ore stanno causando vari disagi.

Dando un rapido sguardo sulle aree più colpite, possiamo vedere che si stanno accumulando picchi di oltre  60 mm di pioggia sui versanti delle serre (come a Serra San Bruno) e sul reggino; accumuli minori, ma comunque interessanti, tra lametino e tra catanzarese, con valori tra i 10mm e i 20mm; si sale poi sul crotonese dove si raggiungono picchi sui 40mm come a Cerenzia (Kr) e 30mm a San giovanni in Fiore (Cs).

 

Fig. 1 – Precipitazioni rilevate oggi

Protagonista della giornata è però lo scirocco, folate molto forti arrivano a superare i 70km/h.

Motore di tutto questo è un vortice di bassa pressione dal nome “Sabine”, che ruota a ridosso della Calabria.

Un’area depressionaria con minimo si 996 hpa che si allunga tra mar tirreno e mar ionio, e va a pilotare sulla Calabria tesi venti di scirocco, i quali a loro volta, favoriscono la formazione di densi corpi nuvolosi e piogge, le quali si abbattono da stamattina su gran parte della Calabria.

Le immagini qui proposte vanno a descrivere la situazione:

Fig. 2 – Immagine satellitare Europa

 

Fig. 3 – Satellite infrarossi + fulminazioni rilevate

 

Fig. 4 – precipitazioni previste in serata

Questo peggioramento continuerà per tutta la Serata, ma Attenzione sui rilievi; si prevede un abbassamento delle temperature ed un conseguente calo della quota neve, che potrebbe raggiungere i 1200m circa su Sila e Pollino.

Fig. 5 – Aree previste in cui potrà cadere la neve in serata

Domani, avremo ancora una continuazione di questo maltempo, per via della nuova formazione ciclonica che, questa volta, andrà ad apportare tesi venti di maestrale con deciso maltempo sui settori tirrenici come descritto qui –>  Sabato 24 febbraio – .

 

Un miglioramento si avrà nella serata di domani.

Ass. Meteopresila

Scirocco; mentre nevica sul Sahara, noi riceviamo sabbia e umidità.

“Le particolari condizioni meteorologiche di questi giorni hanno portato nevicate sul deserto nord africano e sabbia sul Mediterraneo.”

Citiamo un articolo uscito su Focus.it   per iniziare questo intervento, dove andiamo a vedere la situazione meteo per i prossimi giorni.

Al livello continentale, ciò che sta è accaduto, è lo scivolamento verso Sud di un’importante area di bassa pressione che, dal nord Atlantico e attraverso la Spagna, è riuscito a raggiungere le coste e l’entroterra Nord africano; formando una saccatura ricca di aria fredda di origine Artica, che è stata capace di portare precipitazioni e nevicate fin sui rilievi dell’Atlante e sugli altopiani sabbiosi del deserto Algerino.

Fig.1 – Previsione della polvere del Deserto del Sahara spinta vesto il Mediterraneo.

Di contro ciò spinge le correnti miti presenti in loco a spostarsi verso nord-est, facendogli raggiungere l’area mediterranea, con il loro carico di sabbia .

Le quantità di polveri previste è alta(Vedi fig.1), e andranno a ricoprire una vasta area del mediterraneo centrale, compreso la nostra regione.

Per noi questo significa anche ricevere correnti di scirocco, le quali vanno ad alzare le temperature (con valori oltre i 18-19°C) e a portare umidità raccolta sul mar Ionio durante la risalita.

Come oggi anche domani avremo gli effetti derivati dall’umidità portata dalle correnti di scirocco attive; con cieli coperti e nebbie sui rilievi ionici, mentre i versanti tirrenici resteranno più protetti dai rilievi.
Qualche precipitazione potrebbe formarsi su catanzarese, crotonese e versanti ionici delle Serre, anche grazie alla presenza della polvere; ma non si prevedono fenomeni importanti.

Fig.2 – Movimento della bassa pressione insieme ai venti previsi per la Calabria tra oggi e mercoledì 10.

Da mercoledì invece, arriverà una perturbazione che andrà a guidare un deciso maltempo per la Calabria.

Ciò che si prevede,  è il passaggio sul canale di Sicilia di un minimo di bassa pressione figlio della saccatura che ha raggiunto le coste nord africane (vedi fig.2), che, isolandosi sul nord Africa, verrà spinto verso nord est dalle correnti occidentali in ingresso dall’Atlantico.

Piogge a tratte intense andranno a colpirci per tutta la giornata, e sopratutto l’area ionica calabrese, potrà subire questo nuovo peggioramento; più moderato sarà invece il maltempo sui settori del cosentino e in generale i settori tirrenici.

Sempre da mercoledì inizieremo a scendere come temperature, grazie all’ingresso di isoterme più fresche, andremo verso valori più normali per il periodo.

Anche per giovedì si continuerà con il calo termico; la perturbazione si prevede allontanarsi verso la Grecia, accompagnate dall’ingresso di correnti più fresche di origine atlantica.

Non escludiamo che possa ritornare la neve sui nostri rilievi tra mercoledì e Giovedì, con quote superiori ai 1400m.

Non andiamo oltre, aspettando i prossimi aggiornamenti.

Ass. Meteopresila

DEPRESSIONE ATLANTICA IN ARRIVO: IMMINENTE PEGGIORAMENTO SULLA REGIONE

La nuova intensa ondata di maltempo di origine atlantica in rotta verso la Calabria.

L’instabilità è attualmente in atto sull’Italia settentrionale, con minimo depressionario attualmente posizionato sulla Sardegna; nella giornata di domani Giovedì 9 Febbraio, andrà in cut-off sul Mediterraneo centro/occidentale.

500 hpa 

Il minimo depressionario inizierà la sua lenta ascesa verso sud-est apportando un moderato peggioramento delle condizioni atmosferiche su gran parte della regione, in modo particolare nel basso Jonio (tra Reggino e Catanzarese) con possibili temporali in risalita da sud-est.

In queste aree gli apporti pluviometrici risulteranno consistenti con picchi specie nel Reggino superiori ai 100mm.

mat-pom-ser

 

 

 

Precipitazioni comunque che coinvolgeranno gradualmente l’intera penisola.

Attese abbondanti nevicate sui versanti jonici a partire dai 1300-1400mt (Aspromonte – Sila Greca – Sila Piccola – Sila grande versanti orientali ) risultano le più esposte con accumuli nevosi tra i 30-50cm.

Nevicherà comunque, seppur in maniera più attenuata anche lungo la catena costiera.

Una sostenuta ventilazione da sud-est potrebbe generare un graduale aumento del moto ondoso del mare e perciò non si escludono mareggiate lungo le coste joniche della penisola.

 

Maltempo che tenderà a migliorare non prima di Venerdì 10 con gli ultimi piovaschi ancora concentrati sui versanti orientali della penisola.

Ass. Meteopresila

Salva

1 2