Calabria, Nuova perturbazione in arrivo.

Per martedì si prevedono piogge sparse sulla Calabria, fasce tirreniche in primis.

In queste ore dal Nord Atlantico comincia a farsi largo una nuova perturbazione, che dalle Isole britanniche  si spingerà verso sud, attraversando la Francia, per poi tuffarsi sul Mediterraneo (rappresentazione visibile in copertina).

Domani inizieremo ad avvertire i primi effetti, quando correnti da libeccio verranno spinte verso la Calabria, portando ad un lieve aumento delle temperature, insieme a della variabilità sui settori tirrenici.

Ma sarà Martedì la giornata in cui arriverà il fronte di questa perturbazione.

Fig.2 – Immagine dinamica delle precipitazioni in arrivo sull’Italia; possiamo notare il movimento delle piogge previste (vedi colori in sala in basso) arrivare sulla Calabria tirrenica nel corso della giornata di Martedì 27 – Mappa su base GFS

Nel corso della mattinata si prevedono arrivare le prime piogge sui settori tirrenici del cosentino, poi via via le piogge coinvolgeranno tutta la fascia tirrenica e i settori interni, quindi i rilievi.

Fig.3 – Mappa prevista per il pomeriggio/sera di Martedì 27, con le piogge rappresentate in blu come in scala. Icone aggiunte per rappresentazione delle precipitazioni in arrivo sulla Calabria.

 

I venti si prevedono in rinforzo da Ponente; questo favorirà il transito delle precipitazioni verso est, e non si escludono temporanei sconfinamenti anche sui versanti ionici, i quali però saranno interessati in modo più marginale, protetti dalle catene montuose.

L’alto ionio cosentino e il catanzarese (tramite l’istimo di Catanzaro) sembrano al momento le aree con maggiori possibilità (tra la fascia ionica) di avere maggiori precipitazioni.

Fig.4 – Venti previsti durante la giornata di Martedì 27 – In sfumatura rossa le correnti più intense (visibili sul catanzarese). – Rappresentati numericamente i valori in km/h dei venti previsti

 

 

Le temperature saranno in netto calo rispetto ai valori dei giorni passati.

I valori minimi scenderanno sui 10°C anche a basse quote; su gran parte del territorio avremo valori sotto media del periodo.

Ottobrata. Ritorna il sereno sulla Calabria.

Si apre una settimana di tempo piuttosto stabile sulla nostra Calabria, la classica ottobrata così come ci si aspettava.

Nelle prossime ore una decisa rimonta dell’alta pressione, con origine sub tropicale, si estenderà verso le regioni nord occidentali italiane e, successivamente spingerà verso est, coinvolgendo anche la Calabria nella sua protezione.

Fig.1 – Rappresentazione della posizione delle figure bariche da domani; con l’alta pressione in estensione da Ovest, che spinge via l’area di bassa pressione sulla Grecia.

Nei prossimi giorni, nel corso della settimana, tale area di alta pressione si rafforza ulteriormente spingendosi, verso est e verso l’Europa orientale.

 

Fig.2 – dinamica prevista sull’Europa del movimento dell’alta pressione (Area in rosso sulla mappa), dal quale possiamo osservare il suo movimento partire dal nord Africa sull’Algeria, per muoversi poi verso l’Italia e l’Europa dell’est.

 

Per la Calabria ciò si tradurrà in tempo soleggiato per buona parte della settimana, con temperature ancora piuttosto fresche fino a martedì mercoledì; poi in netta ripresa nella seconda parte della settimana quando, correnti miti di origine nord africana faranno impennare le temperature specie durante le ore centrali.

Si registreranno tra giovedì e sabato valori piuttosto miti (Vedi figura 3, in cui possiamo vedere sul grafico l’aumento delle temperature previste).

Fig.3 – Rappresentazione su grafico dell’andamento delle temperature per i prossimi 15 giorni (Spaghi). L’area tratteggiata rappresenta il periodo che va da Lunedì 19 a Domenica 25 Ottobre 2020

Tale situazione potrebbe durare anche per il fine settimana prossimo, e dagli ultimi aggiornamenti anche più in avanti.

Ass. Meteopresila in collaborazione con Domenico Talarico.

Fonti: C.N.M.C.A., Mappe su base calcolo GFS.

Foto copertina scelta da uno scatto realizzato da Giovanni Braile.

 

Maltempo in arrivo; nuova parentesi autunnale sulla Calabria.

Maltempo diffuso sulla Calabria; arrivano le piogge, soprattutto sui versanti tirrenici.

L’arrivo di una perturbazione di origine atlantica, attiverà il maltempo che, già nella nottata, raggiungerà le coste tirreniche a partire dal cosentino, per poi coinvolgere rapidamente tutta la regione.

Tra poche ore quindi passeremo da una giornata serena per la Calabria, a una in pieno stile autunnale, che regalerà piogge diffuse su una regione che, lasciatecelo dire, negli ultimi tempi sta soffrendo di una scarsità d’acqua abbastanza diffusa.

Situazione in scala mediterranea:

Fig. 1 – Immagine satellitare, con rappresentazioni delle correnti e delle posizioni delle pressioni attuali (Domenica 11/10).

 

Come si vede dall’immagine in Fig.1,  già da ieri nel Mediterraneo è entrata una perturbazione proveniente dal nord Atlantico, che sta portando piogge al momento sul nord e centro Italia; essa si spingerà ulteriormente verso sud nelle prossime ore portando con se il suo carico di correnti fredde, che porteranno instabilità al contatto con l’aria più calda e umida presente da noi.

 

Fig.2 – rappresentazioni delle correnti attuali (Domenica 11/10)

Come si vede dall’immagine i venti in arrivo si dirigono sul mediterraneo arrivando dalle regioni settentrionali, e “scacciano” via l’aria più mite presente sul mediterraneo; un contrasto che da energia e umidità al sistema producendo il maltempo e i fenomeni temporaleschi che nelle mappe qui di seguito possiamo vedere

Fig.3 – Area interessate dalla pioggia per Lunedì Mattina (il colore Giallo/rosso indica fenomeni più intensi).

Effetti sulla Calabria:

Per quanto riguarda la nostra regione, il tutto dovrebbe tradursi in una giornata intera di maltempo diffuso, come accennato sopra, soprattutto per i settori tirrenici.

Loro per primi infatti subiranno l’arrivo delle correnti occidentali, che li colpiranno in modo diretto nelle prime ore della notte e nella mattinata, le quali, cariche dell’umidità del Mar Tirreno, daranno origine anche a fenomeni temporaleschi (Attenzione).

Fig. 4 – dettaglio sulla Calabria: Distribuzioni delle piogge durante la giornata di lunedì.

 

Nel corso della mattinata le piogge si distribuiranno lungo tutta la fascia tirrenica, e andranno ad aumentare particolarmente verso sud, sui versanti tra il lametino – vibonese e reggino.

Qui  nel proseguo della mattinata /primo pomeriggio si potranno avere i maggiori accumuli di pioggia.

Nel pomeriggio, con l’avanzamento del fronte verso est,  si avranno piogge più sulla Calabria centro meridionale, con maggiori possibilità di schiarite (seppur di breve durata) sulla Calabria settentrionale e sui settori tirrenici del cosentino.

Successivamente, il passaggio instabile si sposterà ulteriormente verso Est, portando le piogge sui versanti ionici (soprattutto sul crotonese), mentre diminuiranno sui settori tirrenici, e sul nord della regione.

Attenzione – Nuovo deciso peggioramento alla sera di lunedì, un nuovo impulso potrà portare ancora piogge sui settori tirrenici; ma stavolta accompagnata da aria più fredda che potrebbe addirittura favorire la caduta di qualche fiocco sulle vette Silane.

Fig. 5 – Nella mappa possiamo vedere in blu le aree interessate da nevicate, e da qui si evince la possibile caduta di neve sui rilievi centrali, dove si va oltre i 1800m

 

I venti si prevedono moderati e a tratti tesi da Ponente.

Le temperature saranno in netto calo su tutta la regione.

 

 

Fine Settembre; maltempo in arrivo sulla Calabria.

Meno di 24 ore di tempo stabile, poi un brusco peggioramento ci porterà in autunno.
Una intensa perturbazione atlantica, con al seguito aria piuttosto fredda di matrice artica, inizierà ad interessare la nostra regione a partire da venerdì pomeriggio.
Dopo un venerdì mattina ancora gradevole e mite, a partire dal pomeriggio arriverà lentamente il peggioramento, la pioggia dal tardo pomeriggio diverrà sempre più intensa sui settori tirrenici nel corso della notte successiva, avremo un brusco calo termico di oltre 10 gradi in poche ore e si attiverà una ventilazione piuttosto sostenuta dai quadranti nord-occidentali.
Le coste tirreniche, maggiormente esposte al peggioramento dovranno fare i conti con intense mareggiate.
Nella immagine di copertina, possiamo vedere la simulazione delle precipitazioni della notte tra venerdì e sabato.
Domenico Talarico

Nuova ondata di caldo, ma attenzione al proseguo.

Una fase stabile soleggiata e molto calda ci attende per l’ultimo week-end di agosto, a causa della risposta prefrontale della perturbazione atlantica in discesa verso il l’Europa occidentale.
Tra sabato e domenica torride correnti nordafricane invaderanno anche la nostra regione con isoterme molto elevate +25/+26 a 850 hpa e temperature massime che potrebbero sfiorare i 38-40 gradi nelle solite aree roventi della regione.
Ma la rapida discesa di una massa d’aria alimentata da fredde correnti di origine groenlandese, andrà a capovolgere la situazione, e se il centro nord Italia vedrà una severa fase di maltempo, al sud nonostante più ai margini, da lunedì sera andrà a realizzarsi un netto crollo termico che ci riporterà poco sotto le medie del periodo.
Nelle immagini le ANOMALIE di temperatura di sabato e martedì.

Fig. 1 – mappa realizzata sulla variazione delle temperature rispetto alla media del periodo di oggi 28 Agosto e domenica 30 – l’Italia è immersa qui in un’area in rosso, a segnalare valori di temperature sopra media.

 

Fig.2 – mappa realizzata sulla variazione delle temperature rispetto alla media prevista per il  2 Settembre – l’Italia è qui segnata sotto un’area blù ad indicare i valori di temperature sotto media.

Intervento a cura di Domenico Talarico

Si apre una parentesi di maltempo sulla Calabria.

Dal caldo intenso di questi ultimi giorni tra la fine di Giugno e l’inizio di Luglio; si passa adesso verso un periodo più instabile.

È già iniziato il ricambio d’aria con le correnti che iniziano a ruotare dai quadranti meridionali a quelli settentrionali.
Ma il calo termico si avvertirà maggiormente nella giornata di domani 5 Luglio .
 –
Scatta nel primo pomeriggio la prima instabilità sui rilievi, ma inizialmente solo sul versante più orientale dalla nostra Sila dove non si esclude qualche fenomeno localmente intenso.
Intanto scivola sempre più a sud la goccia fredda in quota che nella notte tra sabato e domenica sarà responsabile di maltempo diffuso sulla Calabria con fenomeni anche violenti sul versante del basso Tirreno.
 –
Nelle immagini le probabili precipitazioni cumulate ogni 6 ore.
La previsione risulta molto complessa per via delle particolari condizioni atmosferiche presenti.
Domenico Talarico
immagine di copertina credit rivieradelconero.blogspot.com

Maggio in terza fase, si ritorna a temperature più normali.

Ultime ore di caldo Africano.

Siamo in fase di cambiamento anche da un punto di vista meteo; già in queste ore il cambio della circolazione inizia a portare ad un calo delle temperature sulla Calabria.

L’anticiclone africano, che ci ha ingabbiato dentro ad una bolla di caldo intenso, nei prossimi giorni tenderà a spostarsi sempre più verso Oriente, e al suo posto si sta avvicinando  una depressione proveniente da ovest (vedi immagine di copertina).

Si conclude quindi con oggi questa fase dal sapore africano con qualche record di caldo battuto in Sicilia; e pare che almeno fino a fine mese l’anticiclone africano non dovrebbe più farci visita.

Fig. 1 – Temperature in quota (1500m circa) – tramite questa Mappa possiamo vedere la “bolla di calore” rappresentata in rosso, allontanarsi verso Est, mentre aria più fresca (in giallo) si avvicina da Ovest. Credit by meteogiornale – GFS

 

Nelle prossime ore si andrà a ribaltare la situazione nel Mediterraneo, la bassa pressione sopracitata favorirà la formazione di piogge sparse sulla Penisola oltre che ad un netto calo delle temperature (al sud avremo circa 10 gradi in meno).

Fig.2 – Andamento delle temperature previste per i prossimi giorni. – possiamo notare (evidenziato dalla grafica) il calo delle temperature previste, e la possibilità di piogge tra il 20 e il 21 maggio.

Osservando la Fig.2, si può vedere graficamente che da una temperature in quota di +22°C a 850 hPa (1500mt circa) delle ore centrali di oggi; si va a scendere fino ad una temperatura della massa d’aria di +9°C per mercoledì mattina.

Il caldo-umido accumulatosi in questi giorni nei bassi strati inoltre, fungerà da benzina per l’instabilità che, tra mercoledì e giovedì, potrebbe anche sfociare in fenomeni temporaleschi violenti in alcune aree della nostra regione.

Analizzeremo in seguito le aree che potrebbero essere interessate.

Inizia intanto il calo termico e il totale ricambio d’aria.

Fine Aprile; Ritornano le piogge sulla Calabria

L’anticiclone che da venerdì scorso ha garantito bel tempo sulla nostra regione, adesso tende a ritirarsi, togliendo così la sua protezione dalla nostra regione.

Correnti più umide tenderanno ad imporsi apportando un po’ di instabilità nei prossimi giorni con un lieve calo termico.

Un primo debole peggioramento si avrà già nelle prossime ore, con deciso aumento della nuvolosità e, nella prossima notte, arrivo di precipitazioni sparse specie sui settori tirrenici.

Fig.1 – Piogge previste in serata oggi

Mercoledì ancora instabile sul versante tirrenico ed entroterra con piogge sparse, ma deboli al mattino (Vedi fig. 2 e 3 );  con tendenza al miglioramento nel corso della giornata, anche se con nuvolosità a tratti irregolare e venti in lieve accentuazione.

Fig.2 – Piogge previste mercoledì primo mattino

Fig.3 – Piogge previste Mercoledì tarda mattinata

 

Domenico Talarico

QUARANTENA E QUALITA’ DELL’ARIA NEGLI AMBIENTI DOMESTICI

In questa lunga permanenza nei nostri ambienti domestici, può risultare interessante conoscere un fenomeno di forte interesse nel mondo dell’ingegneria e non solo.

In questo articolo andremo a parlare di qualità dell’aria negli ambienti indoor.

L’espressione “ambiente indoor” definisce gli ambienti confinati adibiti a dimora, svago, lavoro e trasporto, quindi tutti quegli ambienti che costituiscono, da 50 anni, gli ambienti maggiormente vissuti dall’uomo nella sua quotidianità, con una media del 60% del tempo giornaliero.

In questa definizione rientrano, dunque, le abitazioni, gli uffici pubblici e privati, gli ospedali, le strutture ricreative (ristoranti, negozi, strutture sportive) e mezzi di trasporto pubblico e privato. Ognuna di queste tipologie ha requisiti specifici al fine di poter garantire le migliori condizioni igieniche.

Al fine di poter ottenere dei valori di riferimento, dal 2001 e poi con successivi aggiornamenti, sono state definite le “Linee guida per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinati” dal Ministero della Salute ed è stato introdotto il termine IAQ (Indoor Air Quality), utile a definire analiticamente le condizioni in base agli ambienti.

 

Conoscere la qualità dell’aria presente nei locali e poter attuare misure di correzione di parametri specifici è di importanza fondamentale.

Basti pensare ad esempio agli ambienti ospedalieri, come ad esempio una sala operatoria, dove, mediante specifici controlli, l’aria all’interno può essere filtrata e pulita per azzerare il rischio di contagio da virus o batteri, può essere controllata la temperatura e l’umidità per poter garantire un ambiente favorevole al lavoro, senza conseguenze sia per operatori che per pazienti.

Oppure si può pensare ai musei, dove è rigoroso il vincolo di temperatura ed umidità, al fine di preservare la durata delle tele, soprattutto quelle dipinte ad olio.

O nelle nostre semplici case, dove spesso si rischia la formazione di muffa o altri batteri nocivi alla nostra salute, dovute a condizioni termoigrometriche sfavorevoli per gli ambienti.

 

Le sorgenti dell’inquinamento indoor sono numerose.

Innanzitutto l’ambiente outdoor, quello esterno, influenza in modo significativo l’aria nelle nostre stanze. Nelle zone particolarmente interessate dall’inquinamento atmosferico si denotano valori di deposito di sostanze nocive negli ambienti molto importanti. Si distinguono poi varie tipologie di fonti che influenzano l’aria interna:

 

 

  • Inquinanti Chimici

    Sono tutte le tipologie derivanti da reazioni chimiche usate quotidianamente, ad esempio gli ossidi di azoto, biossidi di zolfo o monossido di carbonio (derivanti da una combustione senza scarico esterno, come cucine, stufe, caldaie o radiatori), oppure amianto, benzene e formaldeide (derivanti da materiali da costruzione, adesivi o vernici), o più comunemente da fumo da camino, collegamenti a gpl o metano mal posti e per ultimo, e forse più noto, il fumo di sigaretta.

  • Inquinanti Fisici

    Derivano da fenomeni naturali che possono, in determinati casi, influire in modo concreto e pericolo al malessere all’interno di un’ambiente. Il più noto è l’inquinamento da Radon, gas radioattivo naturalmente presente in concentrazioni nei terreni e che ha, tra le sue proprietà, la forte volatilità negli ambienti.

  • Inquinanti di origine microbiologica

    Sono tutti gli inquinanti di origine biologica, quali la polvere, i servizi degli edifici e la presenza degli occupanti (uomo e animali) che possono fungere da vettori trasportatori di batteri, virus, allergeni e affini. Si pensi alle muffe che si creano negli angoli delle case, interessati da forti sbalzi termici o alle forti reazioni allergiche dovute alle polveri. Questo è l’aspetto più importante in questo periodo, dove il contagio da Coronavirus, che usa come vettore la saliva o le goccioline da respiro, rende fondamentale il controllo degli ambienti, al fine di poter ridurre il rischio, soprattutto negli ambienti ospedalieri

Alla luce di quanto spiegato, risulta evidente quanto sia importante, sia in fase progettuale che nella vita quotidiana, un’attenzione particolare a questo fenomeno.

Abbiamo oggi a disposizione tantissimi strumenti utili per analizzare e correggere il fenomeno, tra i quali la costruzione di sistemi a ventilazione meccanica controllata, centraline per il controllo della temperatura, dell’umidità e perfino di concentrazioni di agenti inquinanti nelle stanze.

Tutti questi sistemi sono studiati e valutati per garantire un ricambio/ricircolo di aria utile per rimanere in alcuni valori specifici.

Nella vita giornaliera ci basti pensare ai filtri presenti all’interno dei nostri climatizzatori, o alle cappe nelle nostre cucine, entrambi sistemi che possono aiutare tanto ai fini della qualità ambientale.

La qualità dell’aria indoor è un argomento molto complesso, che merita piena attenzione per poter garantire risultati ottimali per la nostra salute e per l’ambiente.

Speriamo che quest’articolo, che abbiamo cercato di semplificare nella sua completezza, possa stimolare un po’ di curiosità e attenzione su un tema molto interessante, soprattutto alla luce del nostro lungo periodo in casa.

 

Maltempo, nubifragio sul vibonese.

In serata le piogge sono diventate molto intense a ridosso del vibonese, dove si sono registrati allagamenti e frane.

Il forte maltempo sulla Calabria centro meridionale, è stato prodotto dalla presenza di correnti umide da ponente, le quali,  passando sul mar Tirreno,  hanno apportato umidità a terra, dove si è scaricata entrando in contrasto sia con l’orografia presente, che con le correnti in quota provenienti da Nord.

Un effetto che ha caricato fortemente l’instabilità sul vibonese, dove si sono scaricate ingenti piogge in uno spazio abbastanza ristretto e in poco tempo.

Le stazioni meteorologiche segnano oltre 70mm (l/m2) in meno di 4 ore, portando rapidamente alla saturazione dei terreni e alla conseguente formazione di allagamenti e smottamenti.

Fig.1 – Mappa delle stazioni pluviometriche – mappa by meteonetwork, stazioni Arpacal

Dalla figura 1 possiamo notare come le piogge si siano concentrate lungo una fascia compresa tra Maierato e Gioia Tauro

Nei video e nelle immagini qui di seguito, possiamo vedere delle testimonianze arrivare direttamente di luoghi interessati.

[Immagini realizzate da Piero e Giuseppe Cannizaro]

.

.

 

.

Riportiamo in conclusione quanto descritto dai giornali locali:

Da ilvibonese.it

“Mezzi già al lavoro – nonostante la pioggia battente – per rimuovere l’ingente quantitativo di fango e detriti che ha invaso, in serata, l’unica via d’accesso e il piazzale dello stabilimento Giacinto Callipo Conserve alimentari Spa, dove si produce il rinomato Tonno Callipo. Le piogge torrenziali che si sono abbattute su buona parte del territorio provinciale vibonese, dalla costa all’entroterra, non hanno dunque risparmiato neppure l’area dell’Angitolano, né la ex Statale 110 che si presenza allagata in vari punti e interessata da vari smottamenti che ne ostruiscono il transito”.

Qui l’articolo completo

https://www.ilvibonese.it/cronaca/64954-maltempo-vibonese-piazzale-stabilimento-callipo-invaso-fango-detriti-video/

Ass. Meteopresila.

1 2 3 12