Maltempo sulla Calabria.

Questa volta possiamo dire anche finalmente; è in fatti in avvicinamento una perturbazione in stile autunnale dal quale si potranno avere piogge che, localmente, potrebbero essere a carattere temporalesco.

 

stile

Situazione Sinottica Europea. La bassa pressione posizionata a ridosso del mar Tirreno, figlia dell’area di bassa pressione principale centrata tra Gran Bretagna e Scandinavia, va a spingere le correnti in ingresso da nord, e richiamarne altre da sud.

Ciò che si sta avvicinando, è una perturbazione atlantica, cioè figlia dell’ingresso di correnti fresche dal nord Atlantico, che già in queste ore vanno a destabilizzare l’area mediterranea, producendo appunto il maltempo detto sopra.

Calabria e Sicilia saranno le più interessate domani, i venti in ingresso, incontrandosi con le più calde correnti in richiamo da sud, andranno ad amplificare l’effetto destabilizzante, dal quale si potranno originare fenomeni temporaleschi che potranno raggiungere la nostra regione.

Al momento le previsioni vedono l’arrivo delle piogge dalla mattinata di domani, con l’interessamento delle aree tirreniche in primis, con l’alto Tirreno e reggino a rischio temporali, per poi interessare nel proseguo anche le aree interne e le fasce ioniche.

piogge previste

Le aree colorate, indicano le zone a maggior rischio pioggia, seguendo la scala, possiamo capire che accumuli pluviometrici quelle aree potrebbero avere.

Le precipitazioni si prevedono rinvigorire in serata, per via dello spostamento verso est dell’area di scontro tra le correnti atlantiche e quelle in risalita da sud; un mix che potrebbe portate alla formazione di una linea temporalesca sullo Ionio.

Anche le fasce ioniche quindi potranno essere interessate da temporali.

Dalla mappa qui in allegato possiamo vedere che tutta la regione è sotto un’allerta “Gialla” per pioggia; con una segnalazione di rischio temporali su reggino e Ionio centrale e settentrionale.

Allerta Calabria

Estate 2016: i risultati a fine stagione

Con oggi l’estate 2016 giunge alla fine, da domani entriamo ufficialmente nell’Autunno.

.

Infatti quest’anno l’equinozio d’autunno si verificherà il 22 Settembre alle 16:21 e quello che possiamo dire al momento, è che questa nuova stagione pare sia partito con il piede “giusto”; le temperature sono tipiche autunnali già da vari giorni, e le piogge non sono mancate, con fenomeni temporaleschi anche di un certo peso

Ma con l’arrivo della nuova stagione, possiamo anche voltarci indietro un secondo e tirare qualche somma su quella appena conclusa, andando a vedere i risultati delle rilevazioni meteorologiche e le conclusioni a cui sono giunti i vari enti nazionali ed internazionali.

Per la Calabria possiamo dire di aver passato una estate piuttosto normale, e se paragonata rispetto agli standard a cui ci siamo abituati negli ultimi anni anche un po’ sottotono. Le temperature sono state comunque più alte della media (circa +0.5/1°C) e le precipitazioni, anche se inizialmente hanno ritardato il loro arrivo, in fondo si sono dimostrate in media stagionale (anzi hanno avuto pure un surplus di circa il 20% (fig.2) secondo i dati ISAC-CNR, ma c’è da dire che il discorso da fare è più complesso, in quanto l’orografia gioca un ruolo molto importante in estate e varie località possono registrare valori di accumulo precipitativi diversi, e a volte non di poco).

latest_season_tmm

Figura 1

latest_season_pcp

Figura 2

Anche al livello nazionale possiamo vedere una tendenza simile, il CNR nell’immagine sopra (Fig.1) riporta temperature superiori alla media, ma tutto sommato senza troppi eccessi; la mappa elaborata dal NOAA (Fig.3), ripropone anche una situazione simile, considerando le temperature in linea con le medie o di poco superiori.

Più interessanti però sono i dati che arrivano in scala più ampia; se osserviamo i valori stagionali infatti al livello continentale se non al livello globale il discorso cambia di molto.

anomaly-temp-summer-eu

Figura 3

Al livello globale abbiamo avuto il mese di Agosto più caldo da 137 anni (da quando si hanno misure) con un valore medio rispetto al secolo precedente di +0.92°C ; e i mesi precedenti non sono stati da meno, facendo diventare questa estate la più calda da quando ci sono le rilevazioni, con un +0.89°C .

Figura 4

Per maggiori dettagli vi lasciamo al video realizzato dal sito meteo.it dove vengono spiegati gli ultimi dati della NOAA illustrati dal meteorologo Flavio Galbiati.

riscaldamento-globale-caldo-record-ad-agosto

video meteo.it

 

Salva