La Superluna più spettacolare del 2020

Spettacolo oggi in cielo con la SuperLuna di primavera! Vedremo lo spettacolo di una Luna più grande e luminosa, fenomeno dovuto al fatto che la Luna piena si troverà domani, ma a sole 13 ore di distanza, ovvero nel punto dell’orbita più vicino alla Terra! Avremo infatti Luna Piena oggi alle 18.48, mentre il perigeo sarà alle 7,34 di martedì 10. Per questo la luna più super del 2020 sarà quella di aprile. Mentre nel cielo continua dopo il tramonto, verso ovest, a brillare una splendida Venere, l’astro più luminoso dopo Sole e Luna.
Questa sera la Superluna più brillante del 2020. E’ la seconda delle quattro previste in stretta successione nel corso dell’anno, dopo la prima di febbraio e quelle previste in aprile e maggio.

Nella notte tra il 9 e il 10 marzo la Luna piena è infatti un po’ più vicina, tanto da dare la sensazione di essere un po’ più grande e luminosa del solito. “La prossima Superluna apparirà circa il 7% più grande e un po’ più luminosa della media.

La Luna piena appare un po’ più grande e luminosa coincide con il momento in cui si trova alla minima distanza dalla Terra (perigeo): alle 7,34 del 10 marzo, si troverà a 357.122 chilometri dalla Terra, mentre la distanza media è di poco più di 384.000 chilometri. Questa sovrapposizione tra Luna piena e passaggio al perigeo, prosegue Masi, viene ormai popolarmente indicata come Superluna, anche se il termine “non ha alcuna valenza scientifica: in astronomia si preferisce parlare di Luna Piena al Perigeo, ma senza dubbio l’appellativo di Superluna ha un fascino tutto suo”.

Secondo Masi, “quella offerta dalla Superluna è una preziosa occasione per invitare a recuperare, in generale, la consapevolezza del paesaggio del cielo presso il grande pubblico anche dalla città, notoriamente poco favorevole alla visione delle stelle a causa dell’inquinamento luminoso”. La diretta si inserisce infatti nelle attività del progetto “Dark Skies for All” (Cieli bui per tutti) promosso dall’Unione Astronomica Internazionale (Uai), che punta a sensibilizzare sull’importanza di salvaguardare il cielo dall’inquinamento luminoso.

La nostra storia e i nostri obiettivi. Presentazione progetto -live weather-

L’associazione Meteopresila è lieta di annunciare l’installazione di una stazione meteorologica presso il Comune di Taverna;

Invitiamo a chi vuole partecipare alla presentazione della stazione meteo "Davis" al comune di Taverna, Sabato 18 Gennaio ore 15.00, presso il palazzo comunale.

Una strumentazione che andrà a supportare e migliorare quelle che sono le informazioni ambientali che si potranno osservare ed archiviare nel centro presilano.

Meteopresila è un’associazione, nata dalla passione di un gruppo di ragazzi per la meteorologia, la tecnologia e, soprattutto, l’attenzione e la cura per l’ambiente.

L’associazione annovera tra i suoi obiettivi il miglioramento della cultura della meteorologia, e lo si è sempre fatto discutendone tramite sito internet, forum online e i social network;  osservando ed analizzando gli eventi meteorologici che durante l’anno si susseguono, e sviluppando nel contempo una comunità interessata al meteo e a tutto ciò che è adesso collegato.

Proprio in questi anni di esperienza “lavorativa” abbiamo capito quanto sia fondamentale conoscere ed approfondire le fenomenologie che colpiscono il nostro  territorio.

Comprendere come reagisce ai determinati eventi meteorologici un’area, permette di apprenderne le sue caratteristiche climatiche, e generare una maggiore consapevolezza anche dei rischi a cui è esposto quando si presenteranno determinati fenomeni atmosferici.

Queste informazioni stanno avendo sempre più seguito nei confronti del pubblico.

Possiamo vedere ciò durante l’emissioni delle allerte meteo, le quali oggi sono ascoltate con maggiore consapevolezza dal pubblico, che si informa per comprenderne l’effettiva pericolosità per la propria incolumità.

Alla luce di ciò, riteniamo che sia di grande importanza fornire maggiori informazioni di quelli che sono i più tipici dati meteorologici; quali, la temperatura, la media pluviometrica, l’umidità, direzione e velocità del vento, la pressione atmosferica, dew point ecc…

Display della Stazione Meteorologica, in cui possiamo vedere un esempio dei dati visualizzati trasmessi dai sensori all’esterno

Per farlo si richiedono degli strumenti che siano in grado di percepire con precisione tali dati, e tradurli poi in numeri e grafici che possano mostrarci in modo chiaro e preciso quanto registrato.

Da tutto ciò scaturiscono poi le informazioni, che permetteranno di conoscere quello che è il clima e il microclima di una determinata area.

Nasce così l’idea del progetto “live weather”

Un programma che ha l’obiettivo di installare per ogni comune, una stazione meteo adatta a questo tipo di misurazioni, ed una webcam da inserire nella rete online già da noi precedentemente creata.

 

Ciò renderà accessibile a chiunque ne abbia bisogno il monitoraggio ambientale, in modo semplice e gratuito, permettendo inoltre, ai luoghi interessati, di godere anche di una promozione turistica data dalla maggiore visibilità derivata dalle webcam.

In questi anni abbiamo quindi iniziato a creare una rete di osservazione, cominciando dalle webcam in streaming sul sito dell’associazione, che ci permettono di monitorare e descrivere i fenomeni che si susseguono sul nostro territorio (Un esempio di questo progetto sono le webcam installate in Sila Piccola,che hanno riscosso molto successo nell’ambiente digitale).

Webcam visibili a questo Link visibile cliccando sull’immagine qui proposta

Con oggi, siamo riusciti a dare inizio anche alla realizzazione di una rete di stazioni meteo, partendo da questa installazione sul comune di Taverna, che sarà per noi da apripista per quelle future.

Come detto sopra, RITENIAMO CHE LA CREAZIONE DI UNA RETE DI STAZIONE METEO SIA ESSENZIALE per capire, conoscere e prevedere, nei limiti della tecnica a disposizione, quali possono essere le criticità che possono colpire un territorio, risultando fondamentale nella prevenzione e nello studio di soluzioni che possano ridurre al minimo tutte le problematiche legate ad essi.

Le nostre idee programmatiche in oltre non finisco qui, da poco abbiamo iniziato ad avviare progetti legati sempre al monitoraggio del territorio, ma con diverse modalità.

Un esempio è  il progetto “Tropical Presila “, ovvero, un programma per capire come il clima stia mutando, e come reagiscono i microclimi nelle aree della nostra presila.

Immagine ritraente il nostro responsabile del progetto “Tropical Presila”, insieme ad una pianta di Banano

Per monitorare ciò,  abbiamo deciso di sfruttare la natura stessa, e quindi piantare delle piante di tipo tropicali sul nostro territorio, al fine di valutare la loro crescita e sviluppo all’interno del nostro clima.

Dalla loro reazione e dalle osservazioni che se ne potranno fare, potremo capire come aree della presila (o anche solo porzioni limitate di territorio come delle piccole vallate), possano contenere degli habitat idonei anche per specie di piante estranee alla nostra macchia mediterranea, o alla tipica agricoltura locale.

Creando questi tipi di rete, si possono avere numeri reali che contribuiscono a descrivere al meglio il nostro territorio, valutarlo e valorizzarlo al meglio, per come già descritto.

Ringraziamo il Comune di Taverna, che ha creduto nel nostro progetto, permettendoci di installare una stazione proprio sul Comune.

Auspichiamo che questo progetto possa davvero interessare ed essere utile all’intera popolazione.

L’ass. Meteopresila

 

Giovedì 16 Gennaio 2020

L’alta pressione presente sulla regione, favorisce condizioni stabili e soleggiate.

Fin dalla mattinata avremo cieli sereni o poco nuvolosi; da segnalare solo deboli addensamenti sui settori tirrenici.

Anche nel pomeriggio la situazione si manterrà stabile, qualche copertura potrà farsi vedere sui cieli delle aree interne, ma sarà solo di passaggio.

Cieli sereni o poco nuvolosi in serata.

Le temperature saranno generalmente stabili.

I venti si prevedono deboli.

Giovedi 9 Gennaio 2020

Alta pressione tempo stabile con cieli sereni.

Nubi sparse solo su litorali del Crotonese e su Reggino Tirrenico, ma senza fenomeni.

FREDDO NOTTURNO MA CON VENTI IN ATTENUAZIONE

Temperature stazionarie o in lieve aumento nei valori massimi.

Martedi 7 Gennaio 2020

Ritorna il beltempo su tutta la regione.

La giornata si prevede generalmente serena, con locali annuvolamenti, che comunque non destano preoccupazioni.

Le temperature saranno in calo sui valori minimi notturni, ma nel contempo avremo un netto rialzo nei valori massimi.

Avremo perciò una estesa escursione termica, data dall’aria ancora fredda sul suolo calabrese, e dalla presenza del Sole libero da coperture durante il giorno.

Attenzione comunque alle gelate notturne.

La ventilazione si prevede debole o occasionalmente moderata.

Lunedì 6 Gennaio 2020

Giornata rigida e generalmente asciutta sulla Calabria, specie tirrenica.

L’ afflusso di correnti molto fredde dall’Europa nordorientale porterà ad un brusco calo delle temperature, ma sarà poco produttiva di precipitazioni.

Al mattino da segnalare maggiori addensamenti nuvolosi a ridosso della Sila e dei versanti ionici cosentini e Crotonese.

Avremo possibilità di nevicate sull’altopiano Silano, ma non si prevedono particolari accumuli associati; occasionalmente non escludiamo qualche fiocco fin verso i 150-200m sulla presila.

Cieli sereni o poco nuvolosi sulle restanti aree.

Dalla tarda mattinata andremo verso un miglioramento ovunque.

Dal pomeriggio e anche in serata si prevedono cieli sereni o poco nuvolosi su tutta la regione.

Temperature in ulteriore diminuzione su valori minimi, sensibilmente inferiori alle medie climatiche.

Ricordiamo che saremo sotto isoterme comprese tra i -6 e i -7 (850hpa) su tutta la regione e picchi di -8 sui versanti esposti alla tramontana, che porteranno le temperature sotto Zero anche in bassa collina, coinvolgendo così gran parte dei centri calabresi.

Venti tesi da Tramontana, con raffiche a tratti forti, specialmente su crotonese.

 

Nel cielo di gennaio

La luna piena coincide con un’eclissi.

La prima Luna piena del 2020 che coincide con un’eclissi e le prime stelle cadenti dell’anno animeranno il cielo di gennaio, in compagnia di Venere che domina il cielo della sera. E’ quanto promette il cielo di gennaio.

La Luna Piena del 10 gennaio coincidera’ con un’eclissi lunare di penombra, nella quale cioe’ la Luna attraversa la zona di penombra della Terra senza essere occultata dall’ombra. “Non sara’ un evento evidente come un’eclissi parziale o totale, ma in eventi simili del passato si e’ comunque notata una diminuzione di luminosita’ del disco lunare”, rilevano gli astrofili della Uai. Varra’ quindi la pena osservare l’evento per notare il passaggio della Luna all’interno della penombra della Terra: durera’ circa 4 ore, con la fase centrale alle ore 20.10.

Il doppio appuntamento della Luna sara’ preceduto dalle Quadrantidi (dette anche Bootidi), le stelle cadenti di gennaio il cui picco e’ atteso il 4, anche se alle 10.00 del mattino. Per tentare di vederne un numero significativo, si consiglia di seguirle nella seconda parte della notte tra il 3 e il 4 gennaio.

Fra i pianeti, a dominare solo e incontrastato il cielo serale c’e’ Venere, che alla fine di gennaio tramonta quasi tre ore e mezza dopo il Sole. Gli altri pianeti visibili ad occhio nudo sono Marte e Giove e saranno osservabili solo nelle ore precedenti l’alba, mentre Saturno per alcune settimane sara’ impossibile da osservare per la sua congiunzione con il Sole, prevista il 13 gennaio. Chi e’ mattiniero potra’ ammirare Marte e la stella Antares, la piu’ luminosa della costellazione dello Scorpione.

Meteo Epifania

5 e 6 Gennaio in arrivo aria gelida.

 

Una piccola dose dell’aria gelida, riuscirà a raggiungere anche il sud-Italia (tra sabato e domenica), allorquando le temperature scivoleranno nuovamente sottozero (-6/-7°C a 850 hPa) e soffieranno dei venti di tramontana piuttosto intensi.

Entro lunedì, l’aria più mite (raffreddata da quella gelida che avrà raggiunto il meridione), tenderà velocemente ad avanzare, a quel punto, gli effetti saranno da valutare.

Proviamo ora a delineare quegli “effetti da valutare”, descritti in precedenza.

Domani, la tramontana comincerà a soffiare piuttosto intensamente, trasportando la prima quantità di aria gelida che, entro domenica, avrà raggiunto tutto il sud-Italia.

Si tratta di una massa d’aria artica, molto densa, asciutta e dotata di uno spessore piuttosto blando. Ciò favorirà il veloce riversamento della stessa al suolo, con veloce crollo termico e gelate diffuse.

La colonna d’aria sarà quindi piuttosto asciutta, tuttavia passando sulle tiepide acque marine, potrebbe dar luogo a nuvolosità irregolare e annessi, deboli fenomeni lungo le zone esposte a nord (deboli, poiché non avrà il tempo, di organizzare un sistema nuvoloso compatto).

Nel frattempo, correnti miti di natura oceanica, stanno soffiando a largo delle coste tirreniche (laddove si sta formando un buon serbatoio di aria umida), essa tenderà ad incunearsi velocemente al-disotto di quella gelida, causandone quindi un aumento dell’instabilità atmosferica.

(L’aria fredda tenderà a scivolare verso il basso, mentre l’aria più umida per spinta di Archimede proverà a salire (specie in prossimità dei rilievi), dando luogo a qualche nube, localmente anche convettiva).

Siamo tra domenica notte e lunedì allorquando lo scontro tra le due masse d’aria, sarà responsabile di un probabile guasto del tempo, con rovesci che assumeranno carattere nevoso a partire dai 2-300 metri di quota e pronti a interessare, nuovamente i rilievi, specie quelli della Sila, con particolar riferimento alle zone esposte a settentrione.

Visto il quadro piuttosto delicato, vi aggiorneremo, successivamente sugli accumuli nevosi previsti e le aree più interessate con maggiore probabilità.

Aggiornamenti nelle prossime ore.

A cura di “Umberto Rossini” in collaborazione con “Meteopresila”

Domenica 5 Gennaio 2020

Poco o al più parzialmente nuvoloso ovunque al mattino, piogge sparse e deboli nevicate su Aspromonte oltre i 1500/1600 m s.l.m.

Nubi sparse più persistenti insisteranno anche su versanti Ionici e zone interne, con possibili deboli  nevicate oltre i 1100 m s.l.m. in calo dal pomeriggio/sera, quando si verificherà un deciso calo termico a causa di venti di tramontana che soffieranno ovunque moderati, a tratti forti su basso Ionio.

Temperature in calo.

Giovedi 2 Gennaio 2020

Giornata ancora sotto gli effetti dell’anticiclone, che andrà a favorire cieli poco nuvolosi su tutta la regione.

Generalmente quindi avremo una giornata soleggiata, con temperature in lieve aumento durante il giorno, mentre le minime saranno ancora basse nella notte.

Della nuvolosità potrà essere un po’ più presente sui rilievi della Sila, ma saranno coperture innocue.

I venti si prevedono generalmente deboli, a tratti più moderati.

 

1 2