Dopo la tregua meteorologica di questi ultimi giorni, dettata dalla presenza dell’Anticiclone delle Azzorre, ritorneremo in un periodo di forte instabilità; un peggioramento che partirà da stasera e durerà fino alle prime ore di Lunedì.

Ciò che ci sta per interessare, è una nuova perturbazione atlantica che, attraversando l’area francese, sta irrompendo senza troppi sforzi sulla scena mediterranea già in questo momento e, lavorando ai fianchi dell’alta pressione confinata ad ovest, scivola rapidamente verso il nord Africa, richiamando in conseguenza correnti umide di scirocco che risalgono verso l’Italia.

Il peggioramento delle condizioni meteorologiche che ne comporterà dalle prossime ore, andrà ad interessare tutto il mezzogiorno, specie sui settori ionici calabresi e tirrenici dal cosentino a salire.

 

stasera barica

Rappresentazione barica; dall’immagine qui proposta si può osservare ciò che abbiamo detto sopra, con l’alta pressione vincolata ad ovest e la depressione in scivolamento verso sud.

Si tratta quindi, di un insidioso vortice di bassa pressione ad ampio raggio, che va a ad abbracciare tutta l’area tirrenica, ma con il suo centro che spazia tra l’area nord mediterranea, e centro-tirrenica ad est della Sardegna.

Nella notte di domenica con lo spostamento verso sud-est del minimo, avremo il “clou” del maltempo, si prevedono abbondanti precipitazioni, temporali e possibili mareggiate sulle coste ioniche, maggiormente interessate dai forti venti meridionali. Lo scirocco in risalita dal Nord Africa, apporterà umidità che si andrà a scaricare con precipitazioni su tutta la Calabria.

stuazione notte precip-B

Come si può vedere dall’immagine riportata, i rilievi sud orientali andranno ad essere le aree interessate maggiormente, per via dell’addensamento sui loro versanti della nuvolosità.

Non si escludono temporali che potrebbero risultare anche di moderata/forte intensità,

Le temperature saranno in netto rialzo, lo scirocco porterà correnti più miti che muoveranno isoterme di +5°C/+6°C anche sui 1300/1400m, ciò vuol dire, pioggia anche sui rilievi silani e pioggia mista a neve sulle cime.

temp 1400m

Da osservare in modo particolare i letti fluviali dei torrenti, e le condizioni stradali nella mattinata di domenica, sopratutto su catanzarese, crotonese e sulle serre.

21/02/2015

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *